header

Magda Negri

header

Ciao Luciana..ora sei in pace

Sai Luciana che siamo sempre stati un po' scombinati..e anche questa mattina le cose non sono andate come avremmo voluto.
Quando questa mattina all'OBI del Mauriziano ci hanno detto che il tuo scompenso cardiaco si era aggravato e che ci si doveva aspettare il peggio, Gabriella, Rosalba Erika ed io insieme a Ferrero, il tuo carissimo collega dell Ires, ci siamo preparati per avvicendarci e non lasciarti mai sola.
Ho fatto in tempo a vederti attaccata a quel respiratore e a quella macchina strana e a farti una carezza ..ma poi le regole sono regole e ci hanno mandate fuori.
Un' ora...aspettate fuori un ora fino all'apertura ufficiale delle ore 13.
In fondo cos' è un' ora?
Avremmo dovuto insistere con la dottoressa e gli infermieri.
Ma quella porta era implacabile e quando abbiamo visto i 4 medici alti e determinati farsi aprire per venire nella tua camera e abbiamo sentito la tragica parola '"tanato gramma.."abbiamo capito tutto.. 
Erano venuti a misurare la tua morte....
Te ne eri andata da sola e noi fuori come i cretini a suonare ad una porta che restava chiusa.
La giovane dottoressa era molto dispiaciuta..ma ormai era fatta.
E poi a correrti dietro per darti almeno una carezza prima che ti portassero via in una cella gelida senza che nessuno ti accompagnasse...
Eravamo scombinati e anche un pò storditi ..ma a casa tua abbiamo cercato i vestiti più belli per Mercoledì e siamo riusciti a organizzare tutto con cura.
Sarai al cimitero monumentale dove c'è Domenico..come mi dicevi tante volte tu scherzando sulla morte che non temevi e ormai desideravi.
Dicevano i nostri amici di una volta che eri una donna bellissima, intelligente ma molto fragile.
Fragile? 
Li avremmo voluto vedere loro attraversare da soli anni di dolore, di immobilità, in quella tragica notte nera che ti aveva circondato do 5 anni.....
Forte come te non ho mai conosciuto nessuno..forte nel sottrarsi al compianto..alla pietà gratuita..nel cercare da sola le cure..tu e le tue badanti e gli amici che ti erano rimasti vicino..Il mondo....beh..il mondo che potevi ancora raggiungere ascoltando i programmi politici in Tv non ti ha abbandonato, mai.
Eri naturalmente diventata più amara ma la tua analisi del voto del 4 Marzo era stata lucidissima.
La tua intelligenza ti ha fatto vivere anche quando il tuo corpo ti lasciava ogni giorno un pò.
Poi troppo dolore Luciana, troppi limiti ..in quel corpo diventato una prigione.
Per questo oggi soffriamo, perché ci manchi.
Ma non é banale dire che tu hai smesso di soffrire.
Rosalba ha scelto le tue foto più belle dagli anni fulgidi della giovinezza del Pci degli anni 70 e di Nuova Società..a quelle dell maturità. 
Ciao bellissima e coraggiosissima ragazza.
Ci vediamo Mercoledì...e poi ancora fra un mese e sara una festa in tuo ricordo.
Ciao Luciana..ora sei in pace.

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso

Rassegne stampa insonni

Capisco che é decisamente patologico scorrere la rassegna stampa alle 4 di mattina...ma visto che ci siamo, come non riflettere sulle durissime parole di Kurtz, il leader austriaco della Fpo..alleato e sodale di Salvini..."non ci accolleremo i rischi incalcolabili del debito di altri paesi..."
Salvini fa orecchie da mercanti e dichiara di trovarsi benissimo in Russia piuttosto che in Italia e in Europa.
Forse dovrebbe interrogarsi se il suo amore per l'Austria, l'Ungheria e la Russia è ricambiato dai suoi compagni di avventura verso l'Italia.

La simbologia è invincibile

Libero..ma via da Riace, deportato al confine..ostracizzato come gli eroi greci sconfitti cacciati fuori dalla polis.
Ci spiegheranno..la magistratura motiverà questa sentenza.
Ma la simbologia é invincibile.
Invincibile.
Abbiamo capito e non accettato.
 

"Qui si discute solo per chi votare. Da militante dico che la base è stufa"

Assolutamente giusta e importante questa intervista di Gianfranco Morgando che mette il fuoco sotto le pigre dilazioni che il Pd piemontese sta facendo per il congresso regionale.
Ne condivido ogni parola.
In quanto vice presidente vicaria della direzione, ho insistito con interventi, colloqui personali, tentativi di persuasione perché il congresso si facesse in tempi utili e non cadesse addosso a quello nazionale e alla fase immediatamente elettorale.
Le motivazioni professate per questo continuo rinvio sono apparentemente giuste: la ricerca di un candidato il più possibile unitario e i tempi per costruire una partecipazione alle primarie adeguata.
Ma anche le ragioni nobili possono nascondere tatticismi politicisti senza sbocco.
Ha ragione Morgando: andiamo alla sostanza, costruiamo iniziativa e discorso pubblico sul Piemonte, aiutiamo Chiamparino.
Muoviamoci sulle cose essenziali e per le cose essenziali.
Il resto seguirà.
 
(articolo da La Repubblica di oggi 16 ottobre 2018)
 
 
 

Andare oltre al Pd?

Calenda, Gentiloni, credo anche Zingaretti, certamente fra pochi giorni Renzi con i suoi Comitati Civici, dicono di voler andare oltre il Pd.
 
Non mi é chiarissimo come, perché, e con chi...ma partecipo fiduciosa al dibattito.

La Baviera alza un muro, ma contro i razzisti

Molto interessante il voto in Baviera.

Temevo uno sfondamento dei neonazisti.

Bisogna approfondire l' offerta politica dei Verdi, che sono una forza ambientalistica e liberal democratica che entra in varie combinazioni elettorali nei vari Laender.

Tutto questo per l'Europa.

In Brasile il successo di Bolsonaro al primo turno e dei suoi simili ai governatorati in cui é suddiviso un paese immenso, delinea l' imminente successo di una destra militare e fascista.

Hanno votato uno che elogia la tortura e l'assassinio politico.

E i migranti non c entrano.

In riferimento a un post di Luigi Brossa

La Baviera alza un muro, ma contro i razzisti.

"La Baviera si è fatta argine all'ondata di destra in Europa. La politica di destra anti-migranti non sfonda, ma fa guadagnare tanti voti un partito del "Willkommen".
....
Somma sommarum: gli elettori bavaresi non hanno apprezzato la campagna di odio e denigrazione anti-migranti della Csu, e sono scappati in tanti verso un partito a favore dell'Europa, dell'integrazione, dei Diritti Umani, hanno scelto meno l'AfD quanto non sembrasse il trend, che ora è diventato la prima volta un esito negativo per i nazionalisti, ha schiaffeggiato l'Spd per la sua vaghezza e anche per il personale politico, insipiente e l'Fdp per il gran rifiuto.
Un messaggio molto chiaro: la litigiosità tra Seehofer e la Merkel sempre sulla questione dei migranti, non ha pagato per Seehofer che ora dovrebbe aver le ore contate. Ma oggi la "Grosse Koalition" non avrebbe piu la maggioranza degli elettori. Si avvicina la fine per la Cancelliera? Oppure riesce a governare con la forza della disperazione, dopo aver silurato il suo eterno nemico bavarese?

L'aspetto europeo: Chi si aspettava una vittoria, oppure una forte avanzata delle forze anti-europee, insomma degli amici di Salvini, Orban o la LePen, è rimasto deluso.

La Baviera si è fatta argine all'ondata di destra in Europa.

L'amico Gianguido Mussomeli ha postato i risultati di Monaco-città: "I Verdi primo partito al 32%, CSU 23,5% e AfD 8,2%. Io a Monaco ci vado almeno una volta al mese e posso confermare che lí la gente non ne poteva piú di Seehofer e della sua continua lagna sull' invasione dei migranti." Una ragione in più per visitare Monaco...." di Udo Gumpel

 

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico