header

Magda Negri

header

Si può trattare con il tiranno?

Le mozioni sull'Ucraina in Parlamento vanno come sono sempre andate, con divisioni all'interno dei vari schieramenti, come fu per l'Irak e i balcani.
Più o meno è stato detto tutto.
Ora bisogna sperare in un decalage degli interventi armati durante l'inverno e l'apertura di un negoziato difficilissimo, ma cui guardano esplicitamente Usa, Francia, India e Cina.
Europa, nella sua unità, non pervenuta.
Spesso le parole della presidente della Commissione mi sembrano durissime, come giusto, contro la Russia di Putin, che piega la popolazione civile ucraina con bombardamenti feroci, ma mai, proprio mai, fa cenno a una tregua, se non a una pace necessaria.
Personalmente penso che Putin resterà e l'autocrazia non sarà rovesciata a breve.
Si può trattare con il tiranno?
A che condizioni?
Su questo si misurerà la comunità internazionale e, segnatamente, l'Occidente e l'Europa.
 
 

Affascinante Torino

Basta un oretta libera e trovarsi in centro per visitare l'intrigante mostra sulla prima regina d'Italia, Margherita di Savoia, con interessante contesto di foto e ricostruzioni storiche.
Vanno in frotte a visitare la mostra e Palazzo Madama studenti delle superiori di ogni regione d'Italia.
Sono soddisfazioni, per una prof mancata come me, vedere le valorose insegnanti accompagnatrici spiegare, segnalare, ricostruire..
Le ragazze sono le più attente.. i maschi sembrano fanciulloni.
 
 
 
 

Un luogo da rivisitare

Due sere fa alla sede del gruppo Abele, con Enzo Cucco e altri amici, a conversare di cose minori quale crisi delle democrazie, astensionismo etc..
Loro sono bravissimi e solo con Messenger siamo riusciti a conversare con un amico a Lisbona.
Bellissima, ancora migliorata, la sede.. con la libreria e il negozio di oggettistica vintage per Natale.
Buonissima anche la pizzeria.
Un luogo da rivisitare.
 

"Manifesto laburista per l’Italia"

Finalmente si esce dal circolo vizioso delle interviste, dei twitter, dei post, dei protagonismi individuali ed esce questo bel documento, frutto di molte culture e di molti specialismi, che parla di cose, problemi, prospettive di lungo periodo, riforme elettorali ed istituzionali, quadro internazionale....
Insomma getta una prima pietra in questa stagnazione inerte della cosiddetta fase costituente.
Sapevo da tempo che era in gestazione, e adesso, come vedete nella parte finale, si cercano adesioni: libere, fuori da ogni patto correntizio, per guardare al futuro.
Ringrazio quei molti amici e compagni che hanno faticato pere trovare punti di sintesi, punti di mediazione, e comunque sono riusciti a scrivere un documento nel quale mi ritrovo quasi completamente.
Non mi succedeva da tanti anni.
 
 

Consapevole negligenza

Dico parole amare, con gli occhi bassi, pensando specialmente ai bimbi di Ischia morti sotto il fango.
Fino a 15 anni fa andavo ogni anno per le Terme, poi ho smesso per tanti motivi... l'eccesso di presenze, la non pulizia etc.
Eppure ho sempre realizzato, fisicamente, che l'abusivismo edilizio fosse non tollerato ma fortemente sostenuto da tutta la popolazione e da tutti gli amministratori, con pochissime eccezioni.
Il cittadino medio può non sapere i rischi, l'amministratore invece sì, e su su per i rami la Regione Campania, i Ministeri competenti...
Non c'è consapevolezza del rischio, non dico senso della legalità, non c'è protezione dello Stato e di chi deve difendere i cittadini. Onoriamo le nostre vittime con una assunzione collettiva di responsabilità.
Se ne siamo ancora in grado.
 

Finalmente un weekend come si deve!

Non conoscevo nulla dell'arte di Salvador Dalì, del suo mix di surrealismo e psicanalisi.
La mia cultura si ferma penosamente agli impressionisti.
Ma dopo la stimolante mostra a Stupinigi ho materia per riflettere sull'orologio del tempo che si scioglie nella materia.. sul corpo della donna in fiamme dove si aprono i cassetti della coscienza, sull'elefante totem che appare anche da tanti schizzi.
Bellissimo weekend con mia figlia Fedra, la bellezza di Stupinigi e l'inquietudine di Dalì.
 

Rose d'autunno

Rose d'autunno.
Raccolte 2 ore fa sul mio balcone e subito sfiorite.
In casa non hanno potuto far vivere la loro bellezza.
Metafora di tante cose..
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico