header

Magda Negri

header

Nel gennaio ’92  un missile serbo - che  tenterà di spacciarsi per croato - colpisce e abbatte un elicottero che, a 80km da Zagabria sotto l’egida Onu, sorvola il territorio. Vola in una no fly zone e a bordo vi è un giovane  militare italiano e un diplomatico francese, tutti disarmati. Il soldato Marco Matta ha 28 anni. E a 28 anni muore su quell'elicottero. Suo padre oggi al raduno dell’Aviazione a Torino, a cui ho parteciopato assistendo in tribuna, ne parla piangendo.

Una famiglia operaia, semplice e splendida, papà e mamma con il loro dolore. Il ragazzo aveva fatto l’istituto tecnico a Giaveno e i genitori gli consigliano la carriera militare. Partecipa a un bando: pochi posti, 5, a fronte di 500 partecipanti. Si classifica ventesimomo, ma quelli davanti a lui rinunciano.

Prima persa di aver perso l'occasione della sua vita, ma poi lo chiamano e  quindi il ragazzo viene preso. Diventa elicotterista ed è uno degli allievi che si distinguono come uno dei migliori al corso. Le missioni di pace italiane non avevano ancora il ruolo conosciuto che hanno oggi. Quella di Marco è una storia italiana.

P.S c’è un processo durato vent’anni su questa vicenda . Il comandante serbo è stato condannato all’ergastolo in contumacia, ma è libero, perché estradato dal governo italiano. I genitori della vittima  sono in cerca ancora di giustizia , ma sono consapevoli di quanto sia difficile. E hanno trovato una loro seconda famiglia nell’aviazione; partecipano a ogni commemorazione.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico