header

Magda Negri

header

Augurandovi buone vacanze, vi confesso che sono rimasta sorpresa dalle tante  e diffuse reazioni alle cose ovvie che ho dovuto ricordare di Vendola. Essendo io iscritta al Pci dal 1969 e avendone attraversato la storia , ricordo bene la dialettica fraterna che ho sempre  avuto con i berlingueriani di sinistra e con gli Ingraiani in senso stretto. Furono questi compagni a me carissimi e fra i quali annovero i miei migliori amici  (nulla a che fare con i contingenti schieramenti!) a opporsi coerentemente e tenacemente all’evoluzione del Pci verso il vasto orizzonte della sinistra europea e ad esaltare le differenze ontologiche.

Gli argomenti furono dapprima  la differenza etica e poi sfociarono  in vere contraddizioni, fino alla rottura drammatica  dopo il 1989,  con la Bolognina  e con  la scelta di Occhetto di far nascere i DS. Fino cioè  alla creazione di una forza neocomunista: Rifondazione. Vendola e Cossutta, certo due culture diverse, ma entrambe, l’una classicamente comunista libertaria e l’altra marxista leninista, configgono con l’unica prospettiva vincente della sinistra italiana. Leggo su il Fatto che Vendola nella sua lunga militanza parlamentare è stato l’unico esponente di RC  a votare a favore della nascita del primo Governo Prodi. Ma credo che nel 1998  si sia però associato a coloro che l’hanno  fatto cadere. La crisi attuale  del centrodestra oggi  non libera propensione di voto verso il centrosinistra e ci sfida a una ridefinizione di programmi incisivamente riformisti, che cambino davvero il Paese, nel profondo.

Non ho ancora analizzato a fondo le proposte di Vendola, ma leggo nella sua intervista a Libero  che  invita il centrosinistra a liberarsi dei “peccati liberisti”. A Nichi chiedo questo: ma dove sono tutti questi peccati, in questa sinistra ancora statalista  e incapace di combattere le corporazione e di rappresentare i nuovi lavori. Nichi rappresenta ancora quel mondo politico culturale che resta avverso al bipartitismo come logica alternanza democratica. In questo senso, non mi sembra foriero di alcunché di nuovo. Adoro in Vendola il suo coraggio, il suo sincero anticonformismo, l’istinto per la libertà.

Ma, per andare al sodo, fra il comunismo libertario, la cultura no global  e quella laica riformista e fra i programmi di queste due sinistre c’è un abisso incolmabile. Mi auguro che sia la sinistra innovativa, così minoritaria in Italia, questa volta, a non soccombere!

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico