header

Magda Negri

header

Forse saremo solo 4, a quanto vedo dal dibattito politico e dall’assemblea del pd. Io, Morando, Maran, Renzi. In quattro a pensare che l’antiberlusconismo esasperato danneggia l’opposizione in modo irreparabile. Stiamo ripetendo più o meno quanto fatto all’opposizione dal 2001 al 2006. Con la differenza che allora vincevamo le amministrative.Ed eravamo proiettati verso la costruzione del nuovo soggetto politico del Pd. Dal 2009 si è cominciato a parlare della strategia di una alleanza coalizionale non meglio definita per battere il Cavaliere.

Dopo la rottura di Fini con Silvio ha suscitato nel Pd una reazione chimica difficilmente controllabile. Fra un antiberlusconismo   estremamente personalizzato che nei Ds e nella Margherita non era mai stato agito. Ora l’antiberlusconismo si è espanso come una malta aggregante di una pluralità di soggetti politici fra di loro non coesi. E’ l’Unione la nostra proposta attuale e un terzo polo Finizzato, guidati dal motore dell’antiberlusconismo classico  e ulteriormente incattivito. Non è questo popolo viola  o di reazione intellettuale  ad essere utile  all’opposizione sociale e culturale. Comunque, è questione di gerarchia delle fonti.

Il Pd assume le istanze azioniste in una autonoma proposta di alternativa riformista? O cavalca una tigre da cui rischia di essere disarcionato? Franceschini  ha il copyright dell’alleanza costituzionale contro il ‘tiranno’. Ma è fallita la spallata parlamentare.  C’è una durezza oggettiva dei rapporti di forza che non segnala un indebolimento della popolarità di Berlusconi. Si indebolisce, mentre continua l’illusione della somma aritmetica degli addendi, il ruolo riformatore del Pd. E il futuro potrebbe essere già segnato!!!!!

In questo senso SIAMO SOLO IN 4. Ma credo che, fatte tutte le manifestazioni motivate contro la degenerazione berlusconiana, bisognerà  fare punto e ricominciare strategie più complicate. Ma a pensarlo forse siamo solo in 4.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico