header

Magda Negri

header

Venerdì pomeriggio alla riunione di Libertà Eguale che si è tenuta a Torino, tutti i partecipanti - in particolare Massimo Negarville - hanno insistito sulla necessità di un sogno: il sogno di una nuova Europa, che accompagni la necessaria durezza delle politiche economiche con una rinnovata struttura politica.

Siamo forse stati nel nostro piccolo profetici perché i grandi d'Europa hanno lanciato la stessa idea: sabato 10 marzo è stato pubblicato contemporaneamente sui quotidiani  Corriere della Sera e Welt un appello da parte del Consiglio Italiano del Movimento Europeo e del suo omologo tedesco, Europaisch Bewegung Deutschland.

Oltre a sottolineare l'esigenza di politiche per la crescita che accompagnino l'austerità e aiutino a superare la crisi di fiducia, l'appello sostiene la necessità di riaprire il cantiere della riforma dell'Unione europea, considerando indispensabile un'unione politica più forte e un rafforzamento della democrazia europea.

L'appello si conclude così:

Fra poco più di due anni, mezzo miliardo di cittadine e di cittadini europei andranno a votare per rinnovare il Parlamento europeo. Restituiamo loro il sogno di una società europea solidale, giusta e democratica.

Nuove sottoscrizioni possono essere inviate scrivendo all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Io ho presentato la mia sottoscrizione pochi minuti fa…

 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico