header

Magda Negri

header

E’ ripresa l’attività parlamentare in Commissione e in Aula.
Discutiamo o udiamo provvedimenti importanti sulla giustizia, sul riordino degli enti di ricerca, o sulla Legge Comunitaria (con un interessante maxi-relazione del Ministro Bonino sulla partecipazione dell’Italia all’Unione Europea del 2006).
Ma l’attività consueta è letteralmente sommersa da una frenesia strisciante.
Saranno 11 o 12 i senatori del nuovo gruppo della “Sinistra democratica”? Davvero Bordon vuole creare un raggruppamento fuori dall’Ulivo? E con chi? Angius si aggira al ristorante con Alberto Nigra; Gavino è più ombroso del solito, Alberto invece è molto sorridente…
In aula ci sono sorrisi formali, abbracci improvvidi, prove da cerimonie degli addii. Una nevrosi sottile e pervasiva serpeggia nei banchi, ed è un po’ una copertura all’amarezza di noi tutti.
Dovremmo nel futuro prossimo darci una misura di copertura e relativo rispetto reciproco. I tempi sono più complessi e i passaggi pi, i percorsi più impervi del previsto.
Vorrei che qualcuno lo dicesse al mio vecchio forse ex-amico Diego Novelli, che sull’Unità di ieri, 1° Maggio, mi ha fatto un volgare attacco personale, perché da referendaria, raccolgo le firme con Martinat di AN.
Fascisti picchiatori ed ex-sinistra insieme, scrive.
Dal 1993 AN è in ogni comitato referendario per il bipolarismo e il maggioritario. Novelli forse non lo sa. I referendari dicono menzogne bonapartiste, dice Diego, sofferente peregrino di ogni contea della sinistra non riformista dopo il 1989. Sarà, ma la montante marca antipolitica e populista ed antiparlamentare si può governare con cure da cavallo democratiche, non cincischiando con eventuali soglie di sbarramento che “questo” parlamento non voterà mai.
Comunque non meritavo tanta notorietà, da finire sull’Unità del 1° Maggio.
Grazie per la pubblicità fatta al referendum, Diego.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico