header

Magda Negri

header

Il Ministro Tria è oggettivamente, come Conte, in una situazione difficilissima.
Sembra non il responsabile finanziario dell'esecutivo, ma una specie di ragioniere brontolone che ricorda ai capi effettivi del governo che le risorse sono date, non estensibili, e che l'obbligo del pareggio di bilancio, o per lo meno della riduzione del rapporto deficit/pil non è aggirabile.
Tria sembra un Padoan ancora più severo che si aggira in partibus infidelium.
La vicenda un pò grottesca del Decreto Dignità, condita dall'assenza di Salvini, che in mutande si butta nella piscina di una villa sequestrata alla mafia, anticipa quello a cui assisteremo nei prossimi mesi.
Un governo double face, che sforna provvedimenti simil populisti con Di Maio, e rincrudisce il messaggio di una destra dura con Salvini.
In camere non comunicanti, per pubblici diversi, fingendo che si possa procedere con propagande separate, ma sapendo bene che si troveranno davanti il muro granitico della finanziaria tra pochi mesi.
Io non prevedo catastrofi, ma un profondo logoramento della politica del paese, una perdita di competitività e di redditi, un isolamento politico sulla questione dei migranti, una inquietante e crescente alleanza di Salvini con i veri nemici dell'Italia: i governi austriaci, bavaresi, ungheresi, che sposteranno l'asse del governo.
Forse non cadrà, ma una politica così contraddittoria non può radicarsi davvero. Non è senza fondamento il pensiero di chi ritiene che le europee potrebbero essere la vera prova di forza di Salvini, e che i 5S potrebbero non reggere politicamente quella prova.
Forse si aprirà il congresso del Pd e il problema non sono tatticismi e la scomposizione di maggioranze e minoranze, ma la costruzione di un alternativa radicale ai 5S e alla Lega.
La politica ritorni ad essere lavoro di costruzione intellettuale, professionale sforzo organizzativo, ricerca delle persone migliori per una nuova impresa.
Tra Grillo e Max Weber, il Pd dovrebbe saper scegliere.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico