header

Magda Negri

header


Sarà a Milano, il prossimo 27 ottobre, il primo giorno del Partito Democratico: sarà la prima riunione dell'Assemblea Costituente.


---------------------------------------

L'Assemblea costituente si riunirà per la prima volta il 27 ottobre a Milano , alla presenza di Romano Prodi .

La scelta di Milano è un "segno di attenzione verso il Nord", ha detto uno dei coordinatori, Maurizio Migliavacca, in conferenza stampa a Roma, aggiungendo che l'Assemblea costituente "si riunirà altre volte seguendo un percorso che toccherà diverse aree del Paese".

Il 27 ottobre a Milano "sarà il primo giorno del Pd", ha commentato il presidente del Consiglio Prodi. L'Assemblea costituente dovrà proclamare i risultati, nominare il segretario e decidere come proseguire sul Pd.

"So che ci saranno passaggi non facili - ha scritto oggi Prodi a Veltroni - tensioni e tentazioni. Ma so anche che non cederemo a nessuna di esse perché siamo ben coscienti dei nostri compiti e delle nostre responsabilità".

Veltroni ha ottenuto attraverso le liste che lo sostenevano il 75,95% delle preferenze. Finora è stato scrutinato il 63,7% delle schede pari a circa 2 milioni 18.000 votanti, secondo quanto riferito nel pomeriggio dai coordinatori del Pd.

Il ministro della Famiglia Rosy Bindi ha ottenuto il 13,92% delle preferenze, mentre il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Enrico Letta il 9,94%.

Secondo i risultati parziali , la lista più votata è stata "Democratici con Veltroni", con il 48,42% di voti, seguita dalla lista "A sinistra con Veltroni" (8,52%) e da "Con Veltroni, ambiente, innovazione, lavoro" (7,44%). Le altre liste a sostegno del sindaco di Roma hanno ottenuto l'11,57% dei voti.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico