header

Magda Negri

header


Interessante articolo di Romano sul Riformista sulla “ritirata di Veltroni” . Ma solo parzialmente vero nelle conclusioni. Anche io ho colto un possibile tentativo di evasione dalla contingenza politica. In qualche modo il Veltroni del 1999, del “meglio perdere che perdersi”. Però bisogna tenere conto di una cosa marginale e di una sostanziale.

Innanzitutto Veltroni ha scelto nella sua relazione finale alla scuola di politica di tenersi all’altezza delle altre relazioni, che erano di riflessione politico culturale e di scenario, non dunque di contingenza politica immediata. Ma più sostanzialmente ritengo che Romano sbagli l’analisi. Veltroni non è un “leader in fuga”, ma sta applicano una tattica per me deteriore, che consiste nel lasciar discutere e nel lasciar fare. Nel tenere cioè una linea mediana di rilancio del progetto generale, senza la durezza delle scelte politiche che quotidianamente dovrebbero sostanziarlo.

Una linea tattica di galleggiamento, aspettando che passi l’onda lunga del Governo. Questa linea non fa crescere il Pd. Non basterà la manifestazione del 25 ottobre. Per protestare e basta, bastava l’Unione. Quindi Romano, che è sempre carico di sospetti, non si illuda. Non c’è nessuna fuga in atto, ma purtroppo non c’è nemmeno alcuna traccia  di “grande strategia”.

Nemmeno la tragica rinuncia di Berlinguer con il discorso di Genova del 1980 (se non erro) che a noi – ragazzi di allora – parve la sfida eroica della diversità, fallita la fase dell’unità nazionale. Ma già allora a me sembrò la manifestazione di una grande difficoltà.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico