header

Magda Negri

header

IL PIANO GELMINI non è una riforma della scuola, ma l'attuazione dei tagli della Finanziaria Tremonti . Il decreto 154 non tiene conto della razionalizzazione già fatta in Piemonte.

Come parlamentari e senatori del Pd ci batteremo strenuamente e faremo una battaglia durissima  contro il piano Gelmini e  contro il decreto 154 in Commissione Bilancio. Il piano non è una "riforma" della scuola, ma il piano di attuazione dei tagli sulla scuola, previsto dalla manovra finanziaria.  “Con il decreto  154,  una norma che scardina la scuola pubblica come istituzione  radicata nei territori e che viola le competenze delle Regioni  scaricando enormi costi  sui piccoli Comuni  in Piemonte sono oltre un centinaio   le istituzioni scolastiche piemontesi attualmente con meno di 500 allievi che per il Governo  sarebbero non legittimate a funzionare, da sopprimere, come istituzione autonoma. In Piemonte in particolare sono già state tagliate nella scuola dell’obbligo 30 istituzioni scolastiche  su 100 in seguito al dimensionamento. Resta  dunque poco da fare in questo senso nella nostra regione, che è già fra le più virtuose, e che dal Piano Gelmini viene invece particolarmente penalizzata, senza tenere conto delle razionalizzazioni e degli sforzi che sono già  avvenuti.

 

 

 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico