header

Magda Negri

header

Non mi aspettavo da parte di Antonio Polito una critica così radicare dell’Italicum.

È vero che è malato un paese che cambia un sistema elettorale ogni 10 anni, che la maggioranza che approverà l’Italicum sarà più ristretta rispetto a quella che approvò il Porcellum, che i difetti di questa specie di elezione diretta del premier senza contrappesi, visto anche la bassissima soglia del 3%, sono rilevanti.

Ma se non vogliamo arrivare a quello che Antonio Polito teme "un gigante  tanti cespugli" ci sono solo due vie: una immediata e la seconda di più lungo respiro.

La prima. Si riapre interamente la discussione e si trova una maggioranza governativa che introduca i collegi o apparentamenti al secondo turno superando il voto di lista.

La seconda: augurarsi che la destra italiana si ricostituisca unitaria e plurale come forza alternativa di governo.

Questo nodo politico secondo me non è direttamente collegato alla soglia bassa del 3% che era stato inoltre richiesto dalle sinistre e dalla sinistra del partito. Certo che se la destra non si ricostituirà in un medio periodo il PD potrebbe diventare una sorta di partito pigliatutto anche programmaticamente indistinto. Su questo Polito ha ragione, ma non possiamo caricare i processi politici solo sulle fragili spalle di una legge elettorale.

 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico