header

Magda Negri

header

Il Riformista, 20 ottobre 2007 - Al Senato è pronta la trappola per Prodi - Fabrizio d'Esposito

Dieci, massimo quindici giorni. Dal tardo pomeriggio fino alla tarda sera di ieri, dai vari Palazzi del centro di Roma sono arrivati sempre più insistenti i boatos che danno per novembre, anziché per gennaio, il big bang dell'Unione di Prodi. Esemplare, in merito, la tranquillità ostentata dal Cavaliere che ha rotto il suo silenzio di questi giorni per dire che lui sta facendo shopping a Palazzo Madama. Piuttosto ha ribaltato i termini della questione ammettendo: «Posso dare una collocazione politica a chi un posto non ce l'ha più. Posso fare come ho fatto con Rotondi (il leader della Nuova Dc uscito dal'Udc, ndr)». Sempre Berlusconi, poi, ha fatto recapitare ai parlamentari azzurri una lettera in cui li invita a prepararsi «per un ritorno alle urne già nella prossima primavera». Insomma, il clima sarebbe da ultimi giorni di Pompei, come confermano anche le parole amare del Guardasigilli Mastella pronunciate ieri sera: «O si cambia oppure è meglio andare al voto in primavera. La maggioranza quasi non c'è più».

 

per continuare clicca leggi tutto

Per quanto riguarda il toto-senatori le voci sono ormai tantissime. Fonti del centrodestra quantificano il numero nei soliti "quindici", un gruppo in cui i noti certi sono sei: Dini, D'Amico, Scalera, Fisichella, Bordon e Manzione. E a proposito di questi ultimi due: probabilmente sarà un loro emendamento alla finanziaria a dare il colpo di grazia alla maggioranza. Almeno secondo le intenzioni di Forza Italia, An, Lega e Udc, che sarebbero pronte a votare la proposta di Bordon e Manzione per dimezzare i ministeri. Dice Bordon: «Noi chiediamo una cosa molto semplice: che venga reintrodotta la Bassanini, una legge che fece il centrosinistra poi violata e manomessa dal governo Berlusconi. Mi auguro che l'Unione la voti, ma in questo momento il centrosinistra si sta facendo male da solo. Non so cosa accadrà, sento dire che l'opposizione voterebbe l'emendamento. Lo voti pure. In ogni caso non si tratta di un provvedimento contro Prodi, ma nell'interesse del paese»

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico