header

Magda Negri

header

Riformista - Veltroni non cede sulle class action

«È essenziale che il nostro gruppo parlamentare impieghi tutta la sua forza nel difendere il risultato acquisito: entro il 31 dicembre, anche in Italia, deve essere in vigore una legge che consente l'azione collettiva o di categoria». Soprattutto, è compito del Partito democratico iscrivere tra le sue priorità «la tutela dei consumatori, dei risparmiatori e degli utenti».
In una lettera al Sole24Ore il segretario del Pd Walter Veltroni ha preso a prestito il tema infuocato della class action per dire una parola chiara sulle priorità per il paese dal punto di vista del suo partito. E fa piacereconstatare che l'agenda del Pd si mostri in perfetta continuità, in questosenso, con la filosofia di alcuni dei migliori provvedimenti del governo Prodi, con le cosiddette lenzuolate Bersani.

L'incipit di quelle leggi aveva fatto parlare il Corriere della Sera di una rivoluzione culturale perché finalmente un partito di sinistra si assumeva la responsabilità di mettere al centro dell'agenda politica il cittadino-consumatore. Qualcuno, molto
superficialmente, ha commentato in seguito che quei decreti non toccavano i poteri forti. Le guerre in Parlamento e nelle piazze da parte di corporazioni e categorie (tassisti e farmacisti sono soltanto la punta dell'iceberg) ma soprattutto gli stravolgimenti di alcune norme intervenuti purtroppo durante i passaggi parlamentari (si pensi a quelle che riguardano
il sistema bancario) dimostrano esattamente il contrario. La class action èun nuovo, importante capitolo di quella grande azione riformatrice. E il fatto che Veltroni l'abbia difesa, soprattutto dopo le violentissime reazioni di Confindustria o dell'Ania, e lo abbia fatto proprio sul giornale di viale dell'Astronomia, è un segnale fondamentale.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico