header

Magda Negri

header

1 giugno 2008 - Walter Veltroni

Caro direttore, mentre la destra italiana si appassiona ai tatuaggi di chi compie violenze, nel resto del mondo l'Italia è sotto la lente d'ingrandimento come Paese a rischio xenofobia. Giornali liberali (e persino conservatori) inglesi o tedeschi, francesi o spagnoli scrutano e trovano nelle vicende italiane i segnali di un nascente razzismo sottovalutato e non combattuto - quando non letteralmente alimentato se non altro dal punto di vista del clima politico - dal governo che si è insediato in queste settimane.


 

 

Confesso che il dibattito sui tatuaggi (fuor di metafora, la
discussione sulle appartenenze politiche dichiarate da chi compie i
raid contro i negozi cingalesi) mi appare del tutto inutile o meglio
gravemente dannoso. Non essere allarmati davanti a quello che accade
è un pessimo segnale: il mito della giustizia fai-da-te è già un
problema politico, l'aggressione a cittadini per la loro nazionalità
o etnia è già l'annuncio di un rischio xenofobo. E' stata Famiglia
cristiana a porre la domanda più provocatoria e imbarazzante: perché,
se c'è tanta voglia di ronde, in questi anni nessuno le ha fatte
contro i camion della camorra che portavano i rifiuti nelle
discariche criminali?

Credo che, se la politica vuole essere all'altezza della sfida, le
domande da porsi siano ancora più radicali. Quali radici ha quel
senso di paura che attraversa la società italiana? E quali risposte
bisogna dare per evitare che la paura prenda la direzione della
violenza e dell'irrazionalità? Mi è capitato di dire più volte che il
bisogno di sicurezza non è né di destra né di sinistra, ma che è un
diritto inalienabile dei cittadini. Ma quando parlo di diritto alla
sicurezza (fateci caso, questa parola sta sostituendo altre che in
passato avevano maggiore circolazione come legalità e giustizia e
anche questo non è ininfluente) mi riferisco a quel diritto ad un
perimetro, individuale e sociale insieme, di certezza e di
tranquillità. Le paure assediano oggi questo perimetro e, nella
percezione di molti, hanno già aperto qualche falla quando non
abbattuto ogni difesa.

Zygmunt Bauman, che più acutamente di tutti ha cercato di indagare
questo universo, ha indicato tre tipi di paure e non per amore di
catalogazione ma per indicarci quanto complesso e intrecciato sia
questo universo individuale e sociale.
Ci sono paure - dice il sociologo - che minacciano il corpo e gli
averi, quelle che insidiano la propria collocazione nel mondo e la
propria identità, esponendoci alla possibilità di essere umiliati ed
esclusi a livello sociale e quelle di natura più generale, che
riguardano la stabilità e l'affidabilità dell'ordine sociale.
Tre livelli diversi, quasi dei cerchi via via più larghi. Il primo
(il corpo e gli averi) è quello più evidente, il più sensibile ed
esposto a quella che chiamiamo microcriminalità. Il secondo tocca la
propria collocazione sociale, la posizione all'interno del mondo, la
sorte del proprio reddito, del proprio lavoro, della considerazione
diffusa che il mondo ravvicinato ha di te e, come in uno specchio,
anche la percezione di sé stessi rispetto agli altri. Il terzo, il
più largo e forse il meno avvertito ma insieme quello più condiviso,
è la percezione dell'efficienza complessiva del sistema all'interno
del quale si vive.

Ebbene credo che oggi siano a rischio contemporaneamente tutte e tre
questi livelli, o almeno, per una gran parte dei cittadini, tutti e
tre mostrino una sorta di febbre: il sistema non dà certezze di
affidabilità, la stabilità (o magari il potenziale miglioramento) del
proprio ruolo sociale è messa in discussione per larga parte della
società italiana da un processo di impoverimento che non è solo
materiale ma anche di ruolo. E contemporaneamente i fenomeni di
criminalità fanno apparire minacciata anche la zona più ravvicinata,
quasi letteralmente la nostra pelle. Mi è capitato di dire che in una
società impaurita, quando avvengono dei traumi anche soltanto vicini,
questi vengano vissuti come una invasione insopportabile.

E' sempre Bauman a dire che la questione della sicurezza sia oggi al
centro del marketing politico: i programmi elettorali - afferma il
sociologo che ha inventato la formula della "società liquida" - sono
spesso costruiti attorno a questo tema, così come le vendite dei
giornali o gli indici dell'auditel salgono quanto più si parla di
questo.
Paure fondate e paure indotte, realtà e percezione possono apparire
in contraddizione. Eppure le due cose convivono si mescolano.

La sicurezza è un problema reale e negarlo è un errore drammatico
(certamente le forze della sinistra radicale, che lo hanno fatto,
hanno pagato un prezzo salato a questo errore), ma è stato
contemporaneamente un elemento fondamentale del marketing politico.
Era, nella campagna elettorale, l'ingrediente più consistente usato
dalla destra, cominciando dalla Lega che lo ha maneggiato con
straordinaria abilità e improntitudine. L'uso della paura aiuta a
vincere le elezioni, ma non aiuta a governare. Queste paure bisogna
allora disinnescarle attraverso risposte, sociali e culturali.

Ecco, disinnescarle è probabilmente la parola giusta. Non si possono
negare o rimuovere come non si possono cavalcare o alimentare. Tutto
può stare nello stesso contenitore della paura, non importa quali
siano le vere cause dei singoli fenomeni sociali. Tutti diventiamo
potenziali vittime. Ma la vittima è un soggetto debole e passivo.
Tende ad accettare protezione in modo acritico, fino a giustificare
la violenza come forma di difesa.
E il rischio, oggi davvero ravvicinato, è quello della giustizia
sommaria, dell'imbarbarimento dei rapporti civili.

Perciò quel contenitore dobbiamo saperlo aprire e, con pazienza e
coraggio, svuotare. E lo possono fare solo, insieme, lo Stato e la
società. Lo Stato con un maggior controllo del territorio e con la
severa certezza della pena. E poi la scuola che deve servire a
formare cittadini consapevoli. E poi la televisione che deve educare
alla coscienza critica e alla consapevolezza delle molteplicità del
mondo. E poi nuove sicurezze sociali per chi sente drammaticamente di
impoverire. E per quei ragazzi che vivono la drammatica condizione
della precarietà.

E poi io sento il dovere, etico prima che politico, di contrastare
l'insopportabile clima di "egoismo sociale" riaffermando la cultura
della solidarietà come il migliore antidoto all'imbarbarimento del
presente.
E' un impegno politico, ma credo sia anche, per ciascuno di noi, un
pezzo del nostro "lavoro" di essere umani. Con quella consapevolezza
che ci permette di agire per affrontare i rischi che si pongono di
fronte a noi. Con quello sguardo agli altri, e al futuro, che è
l'unico modo per squarciare il buio della paura e fare luce sul
cammino che ci attende.

* segretario del Pd

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico