header

Magda Negri

header

29 settembre 2012
ore 10.30 - 16.30
Tempio di Adriano
Piazza di Pietra
Roma

Image

agendamonti.eu

«I processi virtuosi avviati dall'azione del governo Monti daranno i loro frutti solo attraverso una pluriennale azione di governo: noi intendiamo promuovere nel Pd una trasparente discussione sulle strade che vanno intraprese perché obiettivi e principi ispiratori dell’agenda del governo Monti possano travalicare i limiti temporali di questa legislatura e permeare di sé la prossima».

Parteciperanno i promotori dell'appello sull'Agenda Monti Alessandro Maran, Antonello Cabras, Claudia Mancina, Giorgio Tonini, Enrico Morando, Magda Negri, Marco Follini, Marilena Adamo, Paolo Gentiloni, Paolo Giaretta, Pietro Ichino, Salvatore Vassallo, Stefano Ceccanti, Umberto Ranieri e Vinicio Peluffo e altri esponenti e parlamentari del Partito democratico

Interverranno tra gli altri Carlo Calenda, Bendetto Della Vedova, Lorenzo Dellai, Linda Lanzillotta, Andrea Romano

«Quanto al rapporto tra l'assemblea di sabato 29 e le primarie del centrosinistra, i promotori tornano a ribadire che la loro iniziativa è volta esclusivamente a sostenere, da parte del Pd, una scelta di continuità tra l'azione di risanamento, equità e sviluppo del Governo Monti e la proposta per la legislatura che si aprirà nel 2013. Dunque, essi si rivolgono a quanti hanno già deciso o decideranno di candidarsi alle Primarie, per chiedere a tutti di affermare questa continuità».

Il PD e l'agenda Monti

 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico