header

Magda Negri

header

E’ stata un’estate tragica: il terrorismo che ha colpito Nizza, il Bangladesh e tante località europee, lo scontro fra i treni di Andria, la tragedia del terremoto.

Errori umani, problemi irrisolti, catastrofi naturali che richiedono un’offensiva della politica di prevenzione e cura del territorio di qualità, della Pubblica Amministrazione, delle infrastrutture di trasporto e una specie di allenamento anche psicologico di fronte alla sfida del micro terrorismo dell’ISIS che, scacciato dai principali teatri di guerra, non rinuncerà ad insediarsi in Europa.

Il referendum, la nuova legge di stabilità, i nuovi equilibri europei (voto presidenziale in Austria, referendum in Ungheria) disegnano scenari politici che possono essere alternativi. Riformismo vuol dire anche stare in queste contraddizioni e cercare di volta in volta il punto di equilibrio più avanzato, ma siamo ben consapevoli che è una fase politica che non sta suscitando passioni positive, entusiasmi, ma spesso mobilitazioni difensive. In un clima che i politologi chiamano “democrazia del sospetto”.

Le responsabilità che- al netto della catastrofe naturale- emergeranno sui 20 anni di interventi di ricostruzione mal fatti, adeguamenti sismici insufficienti del Centro Italia e la durezza dell’intervento politico della magistratura sono un terreno di prova per riconquistare un minimo di fiducia tra i cittadini e la politica, perché si ha la tragica sensazione non tanto della corruzione possibile, ma della non conoscenza, della leggerezza, dell' insensibilità che intere generazioni di amministratori e di burocrati potrebbero avere esercitato senza sentirsi davvero protettori e custodi della loro comunità.

Il passaggio oggi annunciato (articolo su La Repubblica di oggi) del governo dalla politica dei bonus incentivanti alla politica di esaltazione e rafforzamento dei fattori della produttività non consentirà sconti o facili scorciatoie.

Anche su questo i cittadini misureranno il loro rapporto con le Istituzioni democratiche.

 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico