header

Magda Negri

header

Mi è capitato ieri per caso di ascoltare in diretta su radio radicale la presentazione da parte di De Maio dell' ipotetico governo 5S.
Operazione propagandistica certo.
Costruzione irreale di un mondo di relazioni politiche esistenti, come se il Presidente della Repubblica non esistesse in carne ed ossa e nelle sue funzioni costituzionali...certo.
Ma una cosa ieri mi ha particolarmente stupito.
Di Maio continuava ossessivamente a ripetere che non era un governo di tecnici.
E che altro sarebbe un governo di professori - pur validi - strappati ai loro dipartimenti e agli amati studi che- come Di Maio continuava a ripetere.- non hanno mai fatto politica di nessun genere, vergini da qualsiasi precedente esperienza politica e istituzionale?
Mi chiedevo ieri perché temeva tanto questa definizione, pur nobilissima, di tecnici.
Poi ho capito.
Chi eserciterebbe la funzione di indirizzo politica in questo governo?
Quindi chi comanda?
Ma Gigi, ovviamente lui, e lui solo non è presidente del Consiglio ma dominus capo assoluto presidentissimo...
Gigi o la Casaleggio..Gigi o Grillo stanco del Vaffa....
Tante sono le cose che accadono nel magico mondo dei 5S.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico