header

Magda Negri

header

Per non lasciare nulla di intentato, oggi pomeriggio Piero Borla ed io, abbiamo deciso di fare una specie di lunga passeggiata per l'Europa in centro e, camminando e conversando, distribuire così il volantino generale dell'Europa, insieme a quello di alcuni candidati.
E' un metodo simpatico di presenza politica, perchè ci si mescola con normalità e gentilezza alle persone che passeggiano, e si ottiene un qualche effetto.
Due ore di passeggiata politica.
Le donne sono più disponibili, gli uomini assai più rigidi...
I giovani, come al solito, stano in una loro dimensione e parlano con i loro telefonini...
Il centro della città è invaso da scolaresche di ogni ordine e grado, che credo frequentino le mostre più importanti per la fine d'anno scolastico.
Atmosfera serena, gaia, il referendum chiesto da Salvini sulle due idee di Europa sembra non attecchire.
Mi sembra ci sia ancora molta indifferenza e disinteresse, ma finiamo tutto il materiale e ci sentiamo molto soddisfatti.
C'è una contraddizione, uno iato, tra l'isterismo conflittuale da campagna elettorale dei 5S e Lega e la media dell'opinione pubblica.
Vedremo.
Nel silenzio e nell'attesa possono covare esiti molto diversi.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico