header

Magda Negri

header

A chiusura di questo strano 25 Aprile, mi piace ricordare il giudizio di Palmiro Togliatti sul carattere sostanziale della lotta di Liberazione in Italia, come la sviluppò nel libro di Maurizio e Marcella Ferrara "Conversando con Togliatti" a pagina 263.
Togliatti entrò nella lunga diatriba tra rivoluzione passiva e rivoluzione attiva, che trae origine dal giudizio di Vincenzo Cuoco sulla Rivoluzione di Napoli del 1799 e arriva al Gramsci, che definiva il Risorgimento come rivoluzione passiva, perchè guidato dall'egemonia totale dell'ala liberal moderata con l'assenza quasi completa delle masse contadine.
Per Togliatti la Liberazione, diversamente dal Risorgimento, fu la prima rivoluzione attiva, in ambito nazionale, della storia d'Italia.
Rivoluzione antifascista, democratica, popolare.
I comunisti si fecero protagonisti dell'Unità nazionale e l'obiettivo nazional democratico della Guerra di Liberazione definisce il carattere di rivoluzione attiva della stessa....
Diversamente dalla Grecia, le forze comuniste e socialiste, che avevano guidato l' insurrezione al Nord, non si isolarono e non rinunciarono mai a parole d'ordine nazionali e democratiche.
Quelli della mia generazione hanno vissuto i dibattiti sull'occasione mancata e sulla Rivoluzione tradita, ma è proprio leggendo le biografie dei partigiani italiani, guardando più avanti alla Costituente, alla Repubblica, alla nascita di grandi partiti nazionali e di massa, che vediamo crescere il frutto di quella che fu un'eroica minoranza, che seppe unire intorno a sè gran parte delle masse popolari italiane e contribuì alla nascita del nuovo stato repubblicano.
L'unico che quasi tutti noi abbiamo avuto la fortuna di conoscere.

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico