header

Magda Negri

header

Al Sabato mattina in genere vado a nuotare all' Acquatica.
Oggi no.
Mi seguirò con religiosa attenzione l'Assemblea Nazionale che apre concretamente la fase congressuale.
Dopo un po' di stasi post sconfitta, le cose si muovono.
Possono piacere o no ma, con il governo di centro destra insediato, l'alternativa e la futura alternanza si giocano tutte sul profilo e la funzione che il Pd assegnerà a se stesso.
Per intanto osservo un eccesso di astiosa ostilità da parte di Azione, in tutte le sue componenti, assolutamente parallelo a quello del partito di Conte ex 5S.
Non deve importarci più di tanto.
Talvolta sono confronti strategici, per lo più conflitti interburocratci di ceti politici in cerca di futuro.
Anche a Torino si accendono molti confronti tra le varie componenti del partito, esponenti del partito di Conte, vecchi e nuovi, o di Art. 1.
Se ne aggiungeranno altri, su altri versanti.
Io ho una linea di condotta, credo infallibile.
Si ascolta tutti, si decide in autonomia.
Non saranno Azione o i 5S, attuali co protagonisti dell'opposizione, a definirci o a condizionarci.
Il futuro del Pd è tutto in mano dei militanti, dei votanti, dei dirigenti di questo partito.
Per un po' si incassa, come mi ha detto ieri in termini pugilistici il mio segretario di circolo.
Poi si fa sul serio.
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico