header

Magda Negri

header

Ecco Bart!

Il Pd e il suo futuro...

Non è il Lingotto e neppure Gargonza... però il seminario dei gruppi parlamentari, dei ministri e della segreteria che si sta tenendo oggi nell'abbazia di Contigliano, risponde a qualche obiettivo, discutibile o meno:
- mette a punto un programma di governo lasciato alla fase della Finanziaria;
- proclama la volontà comunque di durare a prescindere dai risultati del governo a cui pure si tenta di lavorare al meglio;
- definisce la prospettiva strategica di un nuovo bipolarismo, prospettiva utile e necessitata dalla coesiva forza di tutte le destre unite contro di noi. Tutte ma proprio tutte, senza smagliature.

A questo punto nasce il problema: l'alleanza con i 5S è utile, strumentale, in evoluzione, o è strategica, ineludibile?
E con quali 5S?
Quelli di Di Maio/Buffani, il quale ultimo esorta oggi i 5S filo Pd ad andarsene, o quella parte dei 5S che residuerà dopo questi anni di governo, disposta a scegliere una prospettiva di centro sinistra?
E quale sarà il profilo politico - programmativo del Pd, che vuole stringere matrimonio con i 5S, finora molto riottosi?
Ad ogni costo?
Todo modo?
Come si corrisponde ai problemi della società italiana, come la si legge, solo con la lente delle alleanze obbligate?
Da qui in poi incomincia il congresso!

P.S.: Non mi ricordo se, esattamente nel passaggio dal Pds ai Ds o dai Ds al Pd, sul tema del nome fu fatto un referendum tra gli iscritti...
A me continua a piacere il nome Pd per questo partito giovane, solo adolescente, ma se qualcuno ha fantasie creative sul nome, non dovranno deciderlo nè in 4 nè in 100, ma tutti gli iscritti al Pd.
Quelli veri.

Diranno di noi...

Fra 20/30 anni i libri di storia parleranno di quando, a cominciare dalla guerra siriana, la Russia di Putin riprese stabile e duratura presenza nel Mediterraneo centrale e di come gli ex ottomani di Erdogan riaprirono i conti con gli italiani in Tripolitania.
Si parlerà anche della Conferenza di Berlino, che formalizzerà i nuovi rapporti di forza e il peso degli ex imperi negli approvvigionamenti energetici verso l' Europa..
Forse anche del nostro ruolo come mediatori di pace..
Non poca cosa.

La sfida di Zingaretti: “Vecchio Pd addio, ecco la mia svolta”

Confesso di non aver capito bene il progetto di Zingaretti.
Si tratta di aprire il partito ai movimenti verdi.. civici.. a destra e a sinistra?
Ovvio.
Tu offri uno spazio.. ma non è detto che vogliano usarlo.
Specie se si va verso una legge elettorale proporzionale..
Bisogna rivedere uno statuto appena riformato?
Soluzione di continuità netta con il Pd del Lingotto?
Circa 30 anni fa, quando superammo il PCI, ci fu un di battito tra l' ipotesi di una moderna sinistra di governo e il progetto di Lidia Menapace della sinistra informale, federazione di ogni movimento.
Nell' epoca della destra Sovranista che pesa nell' opinione pubblica internazionale, mi sembra che ci vorrà molto di più.

https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2020/01/10/news/la_sfida_di_zingaretti_vecchio_pd_addio_ecco_la_mia_svolta_-245441274/ 

Vicini all'Australia

Jan è un mio amico inglese, trapiantato in Germania per amore, ma con L'Australia nel cuore.
Ha lavorato nelle miniere molti anni, torna per mesi ogni anno per lavori stagionali e ci ha lasciato una grande macchina con una specie di tenda sul tetto, che usa nei suoi lunghi giri vagabondi.
Mezzo esploratore e mezzo cow boy.
Nei decenni mi ha parlato tante volte dello splendore naturalistico della sua seconda patria, ma anche della sua pericolosità.
La tenda sulla macchina gli serviva per evitare serpenti e scorpioni in un campeggio normale.
L' Australia bruciata mi ferisce al cuore.
Penso alle persone che hanno perso la vita e all' ecatombe biblica di specie animali... di singole creature morte orrendamente..anche gli scorpioni e le rare specie di serpenti che preoccupavano tanto il mio amico Jan.
 

Il risvolto privato della vecchiaia...

Molte cure ospedaliere, specie per le persone molto anziane come la mia mamma, possono essere svolte a casa, con grande sollievo per i malati e le casse della sanità pubblica.
La sempre più pesante supplenza delle famiglie, nel mio caso voluta, in integrazione con i servizi sociali e sanitari pubblici, ha però indubbi costi, anche economici, per quelli che scelgono l' ospedalizzazione a domicilio.. di qualsiasi tipo.
Temi faticosi, dolorosi... vissuti nel privato delle famiglie... sulla fatica per lo più delle donne.
Ognuno ha risolto, secondo le proprie possibilità e scelte, l'accompagnamento dei propri vecchi verso la fine.
Ma resta un lago di tristezza nel cuore.
 

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico