header

Magda Negri

header

Le baby gang di Torino

Se i dati sono veri, meriterebbe di essere seriamente indagato il fenomeno delle baby gang nel torinese, forse i più elevati in Italia.
A Torino rimane alta l:evasione scolastica e la disoccupazione giovanile, ma il fenomeno ha una sua specificità e si autoalimenta con la cultura della violenza di gruppo, del disprezzo verso i più deboli, della forza del branco dei giovanissimi, sciolto da ogni vincolo.
Non lasciamo questo lavoro solo agli educatori e agli assistenti sociali...
È sulle persone in carne ed ossa che deve investire la buona politica.
 

C'è lavoro per tutte le persone di buona volontà

Non va di moda dirlo, ma io penso che la tragica vicenda della guerra in Europa non terminerà con la vittoria dell'Ucraina, come continua a dire Ursula Von der Leyden e molti altri.
E neppure con la vittoria auspicata da Putin, cioè la presa di tutta l'Ucraina in attesa di altre avventure.
E' molto importante il piano di pace Italiano, che guarda però molto in là.
L' aiuto militare di tanti paesi occidentali ha bloccato il piano massimo di Putin, ma ora sarà indispensabile un compromesso, anche territoriale. Sotto la garanzia di un pull di paesi terzi.. propone il piano italiano.
Altre ipotesi si avanzano, in un quadro di crescente complessità, prima di tutte il rischio di una carestia gravissima nei paesi più poveri.
Lasciamo ai diplomatici e ai militari il loro lavoro, ma, politicamente parlando, bisognerà trovare una terza via tra l'Ucraina com' era prima del 2014 e una Corea nel cuore dell'Europa.
C'è lavoro per tutte le persone di buona volontà.
 

Bart padrone di casa

È notte tardi.
Quando alla sera torno da Torino lo trovo nel cortiletto a difendere il suo spazio da altri gatti.
Fa delle urla tremende, preventive e deterrenti.
Se insistono.. si arriva alle mani, anzi alle zampe.
Adesso dorme tranquillo.
Fra poche ore riprende servizio.
Sono incerta se chiuderlo dentro quando sono via, o continuare così.
Non so bene cosa fare.
 

Non ci si dimette mai del tutto da se stessi

Per organizzare la presentazione di un libro e una riunione di ex eletti sto passando ore ed ore a far telefonate, a cercare numeri di telefono che non si trovano più, a ricostruire reti, cercar persone, passaparola etc.
Faticoso ma bello.
Talvolta non ci sente da 10 anni, ma la relazione si riaccende subito.
Noi della sinistra storica eravamo una comunità vastissima, e i percorsi di questi anni sono stati complicati, anche laceranti.
Ma, parlando di partito, famiglie, nipoti, salute etc.., dandoci prossimi appuntamenti, risento le antiche amicizie, le tante cose fatte insieme.. e anche chi ha considerato esaurito il proprio impegno politico o non spendibile nel presente, in fondo si sente parte ancora di un processo in fieri, di un percorso che anche lui/lei aveva incominciato.
Ho sempre pensato che non ci si dimette mai del tutto da se stessi.
 

Basta guerra, basta Putin

Forse devo smettere la mia full immersion nella guerra ucraina e nelle sue conseguenze a livello mondiale.
Non mi fa bene.
Questa notte ho sognato Putin, seduto in un giardino italiano, con cui avevo un appuntamento..
Sembrava tutto reale ed ero molto interessata ad incontrarlo.
Sembrava anche una brava persona.
Quindi devo mettermi a leggere romanzi novelle, classici..
Distrarsi da questa ossessione della guerra in Europa.
Tanto sarà lunga.. anche il piano di pace italiano, molto dettagliato, con una Conferenza di pace stile Helsinky, presuppone il reintegro pieno del territorio ucraino ai confini del '91.. e il pieno ritiro delle truppe russe dai territori conquistati.
Chissà cosa ne pensano a Mosca.
 

Gran Torino

Fra tanti nazionalismi, concediamoci un po' di orgoglio municipale..
Tra Salone del libro e Consiglio d'Europa alla Reggia di Venaria..
Oggi davvero Gran Torino..
 

Cerca nel sito


Podcast

Appuntamenti

Salvare l'Europa: come uscire dal debito e dalla stagnazione

Venerdì 26 febbraio 2016
Sala Viglione, Palazzo Lascaris
Via Alfieri 15
Torino

Presiede: Magda Negri

Intervengono: Davide Gariglio, Mercedes Bresso, Alberto Majocchi, Enrico Morando

Leggi tutto...

Videoblog



Così come Syriza in Grecia non era il futuro profetico per la sinistra italiana, così non dobbiamo considerare che la sconfitta di Miliband in Inghilterra sia esattamente trasponibile nel dibattito della sinistra italiana. In Inghilterra ha pesato potentemente lo straordinario successo del partito nazionalista scozzese. Non facciamo equazioni troppo semplici. In Italia aspettiamo l’esito delle elezioni amministrative. Credo andranno bene, anche se peserà la disaffezione degli elettori vrso le elezioni locali. La formazione delle liste in Campania è il simbolo di un grave problema che si sta determinando nel PD: non basta imbarcare tutti per vincere. Bisogna vincere lealmente, con persone presentabili.

Ultime da Facebook

Il mio partito

Partito Democratico